PROGETTO HUB AGROALIMENTARE

Dalla Terra alla Tavola

Tra annunci di prospettive economiche catastrofiche ed immagini di un’Italia in crisi, c’è un settore che cresce, nei fatti, da diversi anni a questa parte e per il quale le prospettive non si fermano al breve termine. Stiamo parlando delle vendite online di alimenti e bevande Made-in-Italy che continuano a segnare un trend talmente positivo da non poter più essere ignorato dalle aziende del nostro Paese.

Secondo l’Osservatorio Ecommerce BtoC del Politecnico di Milano, giunto alla sua dodicesima pubblicazione, il mercato elettronico in Italia vale in questo 2014 già il 17% in più dello scorso anno, segnando un valore economico di 13,2 miliardi di euro.

Certamente i comparti aziendali a concorrere a questo successo sono diversissimi (informatica, abbigliamento, turismo, etc) ma all’agroalimentare e alle bevande italiane, vino in primis, va il merito di aver guadagnato il 23% in più rispetto al 2013.

L’e-commerce in Italia vale 13,2 miliardi di euro ed è cresciuto in un anno del 17%, ma solo il 6% delle aziende opera sul web.

Ulteriori dati su: http://www.argoserv.it/prodotti-italiani-ecommerce-2015

 

L’Idea

Creare un Hub Agroalimentare.

Un punto di riferimento per l’enogastronomia locale.

 

Di cosa si tratta?

Diventare un centro di:

  1. Coltivazione diretta con particolare attenzione alle specie autoctone;
  2. Trasformazione dei prodotti agricoli;
  3. Stoccaggio prodotti enogastronomici locali selezionati;
  4. Rivendita su e-commerce;
  5. Corsi di Formazione anche in modalità di Impresa didattica;
  6. Esposizione prodotti dei partner;
  7. Incontri di degustazione;
  8. Workshop, Laboratori ed eventi sull’enogastronomia.